Coppa Libertadores: caos nel finale

113500836-833b8bf0-3fbf-4693-ac60-add7415b4982

Non c’è dubbio. Tre sono le certezze che emergono pensando alla partita disputata la scorsa notte tra i brasiliani dell’Atletico Mineiro e gli argentini dell’Arsenal Sarandi.

Primo: Ronaldinho ha ancora i piedi buoni, tanto che segna una doppietta. Pregevole la seconda rete dell’attaccante che con un pallonetto batte il portiere avversario. Secondo: brasiliani ed argentini sembrano andare sempre meno d’accordo soprattutto quando si parla di calcio. Terzo: in Sud America questo sport viene vissuto con “particolare” partecipazione. Infatti i giocatori dell’Arsenal, al termine della partita, hanno circondato la terna arbitrale per avere spiegazioni e chiarimenti su alcune decisioni e, come spesso accade, il tutto è stato accompagnato da una certa animosità. Una foga che evidentemente è sembrata eccessiva a chi si occupa della sicurezza nello stadio Raimundo Sampaio, tanto da giustificare l’intervento della polizia armata di fucile ed in tenuta antisommossa. I dirigenti di entrambe le squadre sono intervenuti per riportare la calma, accompagnando i giocatori negli spogliatoi.

http://http://www.youtube.com/watch?v=cc2uyKMtNUA

Finisce così, con fucili e denunce di lesioni a pubblico ufficiale. Scene da videogioco che purtroppo non sono rare in Sud America: solo pochi mesi fa i giocatori del Tigre si sono rifiutati  di disputare il secondo tempo della coppa continentale denunciando aggressioni di agenti e addetti al campo. Evidentemente da quelle parti il calcio è più di uno sport.

Giorgio Rea

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s