RIPARTE IL CAMPIONATO: DOPO 2 GIORNATE ROMA E INTER IN TESTA

 

 

 Dopo una lunga estate, caratterizzata dal valzer di allenatori e da grandi colpi di mercato, finalmente riparte il campionato. Conferme e sorprese in queste prime 2 giornate, soprattutto per quanto riguarda Roma ed Inter che, pur condividendo con Napoli Fiorentina e Juve, si ritrovano al comando della classifica. Certamente gli avversari sino ad ora affrontati, soprattutto per i giallorossi, non hanno rappresentato fonti di grosse preoccupazioni, ma quello che va sottolineato per entrambe è il miglioramento in fase difensiva: ancora inviolate le porte difese da Handanovic e De Sanctis.


 

L’Inter viaggia a punteggio pieno dopo le vittorie contro Genoa e Catania. Nonostante il 2-0 finale, contro gli uomini guidati da Liverani non si è visto quel gioco predicato da Mazzarri negli anni precedenti. Una squadra contratta che tuttavia ha saputo sfruttare le occasioni nei momenti decisivi. Decisamente meglio invece al Massimino, dove i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sugli etnei con reti di Palacio e Nagatomo (a segno anche contro il Genoa) ed Alvarez.

 

Discorso simile quello per la Roma che si impone sul Livorno con una prestazione per la verità non molto brillante, ma che cresce notevolmente contro il Verona nell’ultima giornata. Il segnale sino ad ora migliore dei giallorossi è sicuramente la difesa che sembra finalmente aver trovato la concentrazione giusta. Meglio anche dal punto di vista del gioco: nuovi e vecchi interpreti assecondano bene le idee di Garcia.

 

Bene anche la Fiorentina che impressiona contro il Genoa vincendo per 5-2: le doppiette di Gomez ed un ritrovato Rossi fanno sognare il popolo viola.

 

Ovunque sia andato, per il momento, Benitez ha sempre vinto qualcosa. Sembra che questo possa valere anche quest’anno, visto il potenziale sin ora espresso dal Napoli: 3-0 al Bologna e 4-2 al Chievo. Gli acquisti estivi stanno mostrando tutto il loro valore e hanno rafforzato una rosa che ora fa davvero paura.

 

Conferme arrivano dalla Juve che vince a Marassi per 1-0 e sotterra la Lazio per 4-1. Quella di Conte è una macchina ben oliata, resa più forte dai vari acquisti, Tevez su tutti.

Parte invece male il Milan, con la sconfitta nella prima giornata ad opera del Verona di Toni, mentre si impone sul Cagliari per 3-1. Non solo, in queste ore è sbarcato in Italia Kaka, che torna in rossonero dopo la parentesi di Madrid.

 

Giorgio Rea

Calciomercato: in movimento panchine e giocatori

Molte le trattative in corso in questi giorni da parte delle squadre italiane, soprattutto per quanto riguarda il discorso allenatori.

NAPOLI VS LIVERPOOL

Inter: trattative per Mazzarri

Manca ancora l’ufficialità tra Mazzarri e l’Inter, eppure la società di via Durini è già in movimento per assecondare i desideri del tecnico livornese: l’obiettivo primario è Zuniga, chiesto dall’allenatore per rinforzare le fasce, valutato non meno di 10 milioni. Il colombiano potrebbe seguire Mazzarri a Milano, ma l’ostacolo in questa operazione è l’interesse della Juventus per il giocatore. In alternativa si parla di Isla: il cartellino vale 20 milioni, cifra che potrebbe calare se l’Inter offrisse come contropartita Ranocchia, che piace a Conte. Altri nomi per il centrocampo sono Maggio e Basta. Per quanto riguarda il reparto avanzato, probabile la partenza di Cassano. Al suo posto si parla di Quagliarella, non più in sintonia con i piani di Conte.

Former_A--U40307943400xCG-584x560--473x264

Napoli: sogno Maradona?

A seguito dell’affermazione di De Laurentiis, che vorrebbe un allenatore che inizi con la lettera M e che ami il Napoli, è intervenuto il legale di Maradona, Angelo Pisani, candidando seriamente il suo assistito. Queste le sue parole a Radio Crc: “Maradona prossimo allenatore del Napoli? L’unico allenatore con la M maiuscola è Diego Maradona. Sarebbe felice di approdare in azzurro anche nella veste di direttore sportivo oppure come l’accompagnatore della squadra in Europa o in qualsiasi altra veste. Non so se De Laurentiis ci creda veramente anche perché non è che sia stato troppo disponibile nei confronti di Diego ultimamente. Maradona sarebbe il più grande componente della società calcio Napoli ed il più grande rappresentate della città. Diego sarebbe molto felice se ciò accadesse. Finché c’è stato Mazzarri, il Pibe non ha mai osato intervenire o mettere bocca, ma sarebbe felice di far parte di questa grande società e rappresentare i colori azzurri, in qualsiasi ruolo. Diego tornerà a Napoli a giugno, perché vogliamo trovare una nuova strada per vivere meglio rispettando le regole. Speriamo che l’amore di De Laurentiis per Maradona possa sbocciare anche perché sono certo che lo ha in fondo al cuore” (gazzetta.it).

Fiorentina-v-Cagliari-Stevan-Jovetic-celeb_2856279

Meno suggestiva ma decisamente più fattibile è la trattativa che vuole Jovetic in bianconero. Andrea Della Valle confessa le poche possibilità che il montenegrino possa rimanere in viola, e rimette la decisione nelle mani del giocatore che, dal canto suo, si vuole testare in un top-team. Il cartellino è valutato 30 milioni: difficilmente la Juventus sborserà questa cifra. Più probabile un accordo per 8-10 milioni più Quagliarella ed Isla.

La Roma avrebbe già pronto un triennale da 2,5 milioni a stagione più bonus per Allegri, in attesa del divorzio tra Milan e tecnico. Ma soprattutto rimanda qualsiasi scelta a lunedi, impegnata ora nella preparazione della finale di Coppa Italia.

Giorgio Rea

Mercato allenatori: cambia la goeografia delle panchine

Ore decisive per il waltzer degli allenatori: coinvolte le panchine di Roma, Milan, Napoli ed Inter. Moratti sembra ormai deciso a mettere fine al rapporto con Stramaccioni. Il patron nerazzurro sta meditando per la panchina a Walter Mazzarri o al ritorno di Mancini, esonerato dal City.
Manca solo l’ufficialità per l’addio tra Allegri ed il Milan: la società punta sull’ex Seedorf mentre il tecnico livornese andrà alla Roma.
De Laurentis è a Londra per trattare la cessione di Cavani (contropartita tecnica Djeko). Per il tecnico si parla di Benitez o Mancini dopo la separazione con Mazzarri.

Giorgio Rea